il Torraccio della Cecchina

... sulla via Nomentana, all'altezza del km 9,200, Ŕ un sepolcro conosciuto come Torraccio della Cecchina dal nome della vasta tenuta, che si estendeva ai due lati della via Nomentana, di proprietÓ, almeno nel '500, della famiglia dei Cecchini.

Si tratta di un sepolcro in laterizio, a pianta quasi quadrata (m 5,50 x 5,80), diviso internamente in due camere sovrapposte secondo uno schema diffuso nel II secolo d.C.

Esternamente Ŕ caratterizzato da una cortina laterizia bicroma che, su una leggera zoccolatura di base, mette in risalto i pochi elementi architettonici e ornamentali: sulla facciata mattoni rossi si ammorsano lateralmente con i mattoni gialli dei lati mentre quest'ultimi sono usati, sempre sulla fronte, a evidenziare le ripartizioni della trabeazione, che doveva essere sormontata dal frontone ora perduto, e come riquadro delle due finestrelle strombate, che originariamente schermate da transenne marmoree, erano ornate da colonnine laterali sorreggenti un timpano. .....