la villa romana a Podere Rosa

... [dalla via Nomentana] al km 9,700 si prende sulla destra via D. Fabbri ... 

La strada prosegue fino a un leggero rilievo su cui sono visibili i resti di una villa romana, un vasto edificio rustico di età tardo repubblicana con rifacimenti protratti fino al IV-V secolo d.C.

Pochi sono i resti visibili del primo impianto della villa: alla fase più antica sembrano relativi alcuni blocchi parallelepipedi di cappellaccio ..., mentre a un periodo successivo, forse augusteo, sono riferibili alcuni ambienti del settore nord ...

Discretamente conservato è, invece, il settore termale posto a un livello inferiore rispetto alla parte residenziale e rustica della villa ....

Altri ambienti, posti a NE del frigidarium, furono, nelle ultime fasi di vita della villa, riscaldati o adibiti a praefurnia o locali di servizio. Da qui una scala, di cui si conservano due gradini, permetteva il collegamento dell'impianto termale con i piani superiori della villa. ....

Una seconda scala, addossata alla cisterna, collegava la pars rustica della villa e il cortile di servizio delle terme, pavimentato in bipedali, da cui era possibile raggiungere i praefurnia per l'alimentazione dei vani riscaldati.

Poco oltre è la chiesa di S.Liborio dell'arch. Ennio Canino.